2015, Come si fa a calcolare una distanza, tra due salti, stando lontano? Il cappello di Napoleone!

Come si fa a calcolare una distanza, tra due salti, stando lontano? Il cappello di Napoleone!

Un esempio di Visione Comparativa delle Distanze da lontano.

 

Ci sono persone che hanno sviluppato una innata capacità di misurare tutto il possibile e di più! Quando becco un talento del genere lo metto sotto torchio invano! Non c’è niente da fare: sono bravi e di più pure.

Forse è anche questione di abitudine a farlo ed alla fine si diventa persino bravi.

Per quelli che non sono come loro e spero più bravi di me comunque, ritengo utile questa storiella, ve la racconto?

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.! Non sto scherzando, sto solo cercando di descrivere lo stato d’animo in cui mi trovavo perchè era un periodo che non ne azzeccavo una in gara! E’ capitato anche ad alcuni di voi?

Ad un certo punto notai, durante una ricognizione pregara, un vecchio istruttore che non si scomponeva ad andare per i salti e faceva la ricognizione del percorso praticamente da bordo campo. Era perfettamente in grado di dire quanto fosse lungo il percorso, la distanza fra i salti, quanti tempi di galoppo tra un salto e l’altro. ecc. Tra me e me, pensai “Bè, certo l’esperienza!” Poi mi ricordai di una cosa che mi capitò durante i World Equestrian Game di Roma 1998 di Salto Ostacoli, 

durante i quali, una spettatrice, seduta vicino a me, sobbalzava e commentava spontaneamente e negativamente gli avvicinamenti sbagliati al salto dei vari concorrentii. Io non ero capace e me ne accorgevo solo all’ultimo momento, quando cosa fatta capo ha. La cosa curiosa era che stavamo lontano almeno centocinquanta metri! Si, almeno 150 mt perchè eravamo in Tribuna! 

Se ci riusciva lei da quella distanza, perchè non poteva riuscirci anche lui da bordo campo? Nella mia esperienza successiva, ne ho trovati tanti di addetti ai lavori, e forse anche qualche ippogenitore, in grado di dare tante informazioni sulle distanze, sui metri e sulle falcate del cavallo necessarie. Quindi ero sicuro che al vecchio istruttore, avrei potuto carpirgli qualche piccolo segreto, tanto che poteva succedere mai? La mia curiosità venne premiata, perchè mi raccontò una storiella che non conoscevo: il cappello di Napoleone! E me la raccontò più o meno così:

Come poteva fare un condottiero a sapere quanto distasse, per es., una riva del fiume per prendere la decisione di come affrontarlo, lui con il suo esercito?

Un giorno, un tizio, chiamato Napoleone Bonaparte!, scoprì un metodo che con lui funzionava benissimo, lo volete conoscere? Si chiama proprio il cappello di Napoleone! 

Pare che lui, anzi, Lui per calcolare le lunghe distanze, stando sulla riva del fiume, individuava un oggetto ben visibile sull’altra sponda. Inclinava il cappellone in modo da traguardare il punto prescelto con la tesa dello stesso cappellone. Senza alzare né abbassare la testa. Si girava su se stesso fino a trovare, vicino a lui, un punto allineato con la tesa del cappellone. La distanza tra chi osserva e questo punto è uguale alla larghezza del fiume.

E continuò dicendo: se invece del fiume, metti due ostacoli da saltare di cui già conosci le misure, cosa cambia? Se sommi tutte le distanze tra un ostacolo e l’altro, come fai a non sapere quant’é lungo il percorso in gara?

Oddio, mi sembrava di essermi imbattuto in un “inventore” di un altro uovo di Colombo!

Qualcosa di simile, la si potrebbe fare comparando un pollice con un tratto di strada (o distanza!): quant’é lungo la spazio che riesci a coprire alla tua vista con un pollice? Quanti pollici occorrono per coprire la distanza tra due salti? Forse usare la tesa del cappello rispetto al pollice è più estetico e poco percettibile dagli altri! Siete d’accordo con me?

Con l’esperienza di oggi, e dopo aver effettuato i vari Corsi di Formazione per diventare Sports Mental Coach, direi che il vecchio istruttore sta usando, tutt’ora,  una tecnica che noi coach chiamiamo “Visione Dissociata”, cioè Visione Comparativa delle Distanze da lontano e ciò gli da le informazioni che gli servono in modo personalizzato! Beato a lui ed a quelli come lui! Ma adesso abbiamo capito come fa?

Vuoi Condividere con i tuoi amici quello che ti è piaciuto? Grazie!

                 Subscribe in a reader

Qui puoi Inserire il tuo indirizzo email per ricevere i miei post: (Feedburner è un prodotto Google, che ho scelto appositamente)

Delivered by FeedBurner

                                                        Instagram        

                                                               Licenza Creative Commons

Salta gli Ostacoli della Mente di Roberto Bellotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Based on a work at https://www.saltagliostacolidellamente.it/